Treviso vince l’European Green Leaf 2025 - Veneto magazine

Treviso vince l’European
Green Leaf 2025

Treviso è Città verde europea 2025 agli European Green Leaf Award. La Città è stata insignita del prestigioso titolo promosso dalla Commissione Europea per le municipalità sotto i 100mila abitanti che riconosce e premia l’azione locale verso la transizione per un futuro più verde e sostenibile. Le città vincitrici lavorano con i loro cittadini in questa transizione, migliorano l’ambiente urbano, combattono l’inquinamento, mitigano e si preparano per una maggiore resilienza ai cambiamenti climatici. Nel corso della cerimonia tenutasi alla Kultuurikatel di Tallinn (EU Green Capital 2023 e quindi città ospitante della finalissima) sono state premiate la Capitale verde Vilnius (capitale della Lituania) e Treviso quale vincitrice dell’European Green Leaf 2025, dopo la presentazione del dossier davanti alla Giuria indipendente della Commissione Europea tenutasi nello stesso hub creativo della capitale estone. La candidatura della Città di Treviso all’European Green Leaf Award si fondava su alcune buone pratiche e progetti ambientali messi in campo da aziende, associazioni e cooperative del territorio come Alto Trevigiano Servizi, Contarina, Rocking Motion e Cooperativa Comunica. La presentazione della città davanti alla Giuria si è sviluppata in un racconto da parte del sindaco Mario Conte attraverso le testimonianze delle diverse anime che descrivono, attraverso i loro progetti, la Treviso sostenibile. Fra gli interventi più importanti posti in essere dal Comune di Treviso (per il quale è intervenuto il vicesindaco Alessandro Manera), il Green New Deal per la creazione di 18 parchi urbani e boschi periurbani, l’incremento degli alberi (+ 4.487) con possibilità di metterne a dimora altri 15mila nei prossimi anni e la riqualificazione della discarica di via Orsenigo (forestazione e parco fotovoltaico per l’istituzione delle comunità energetiche), il più grande intervento di bonifica ambientale nella storia della città. Importante, in chiave di miglioramento della qualità dell’aria e di coinvolgimento del territorio nell’attuazione delle politiche ambientali, il progetto Bike To Work (condiviso con 18 comuni dell’area vasta) con l’erogazione di buoni spesa in base ai chilometri percorsi a piedi e in bicicletta per raggiungere il posto di lavoro e la possibilità di depavimentare, con il recupero a verde di alcune aree e l’installazione dei “Green Wall” nelle scuole. 

Treviso is European Green City 2025 at the European Green Leaf Awards. The city was awarded the prestigious title promoted by the European Commission for municipalities under 100,000 inhabitants that recognises and rewards local efforts towards the transition to a greener and more sustainable future. The winning cities work with their citizens in this transition, improve the urban environment, fight pollution, and mitigate and prepare for greater resilience to climate change. During the ceremony held at the Kultuurikatel in Tallinn (EU Green Capital 2023 and therefore host city of the final) the Green Capital Vilnius (capital of Lithuania) and Treviso were awarded as winners of the European Green Leaf 2025, after the presentation of the dossier in front of the independent Jury of the European Commission held in the same creative hub of the Estonian capital. The nomination of the City of Treviso for the European Green Leaf Award was based on a number of good practices and environmental projects implemented by local companies, associations and cooperatives such as Alto Trevigiano Servizi, Contarina, Rocking Motion and Cooperativa Comunica. The presentation of the city in front of the Jury developed into a narrative by Mayor Mario Conte through the testimony of the different spirits that describe, through their projects, sustainable Treviso. Among the most important interventions implemented by the Municipality of Treviso (for which the deputy mayor Alessandro Manera gave a speech), the Green New Deal for the creation of 18 urban parks and peri-urban woods, the increase in the number of trees (+ 4,487) with the possibility of planting another 15,000 in the next few years, and the redevelopment of the landfill in Via Orsenigo (forestation and photovoltaic park for the establishment of energy communities), the largest environmental reclamation project in the history of the City. Important, from the point of view of improving air quality and involving the territory in the implementation of environmental policies, is the Bike To Work project (shared with 18 municipalities in the extensive area) with the granting of shopping vouchers based on the kilometres travelled on foot and by bicycle to get to work, and the possibility of de-polluting, greening some areas and installing ‘Green Walls’ in schools.

© Foto di Rauno Liivand

Presenti nel dossier anche l’iniziativa freeaqua.it a cura di Rocking Motion, per la valorizzazione artistico culturale delle 130 fontane cittadine, la sensibilizzazione al ri-uso di borracce e contenitori con l’acqua pubblica e i laboratori nelle scuole a cura della Cooperativa Comunica per la realizzazione delle ecosfere nell’ambito della campagna del Comune “Treviso più verde e resiliente”. Per quanto riguarda ATS (le cui azioni sono state presentate davanti alla Giuria dal direttore generale Pierpaolo Florian), gli interventi per l’ampliamento della rete acquedottistica e la riduzione delle perdite, e della rete fognaria (con il passaggio dal 30 al 70% di utenti allacciati) e l’innovativo cantiere con la tecnica del microtunneling per l’allacciamento del centro storico al depuratore di Sant’Antonino. È stata sottolineata la capacità da parte di Contarina, braccio operativo del Consiglio di Bacino Priula e rappresentata a Tallinn dal vicedirettore generale Andrea Favalessa, di valorizzare l’alta percentuale di raccolta differenziata certificata dalle statistiche nazionali (che vedono Treviso, grazie alla collaborazione dei cittadini, come la città capoluogo di Provincia più “riciclona” d’Italia con l’86,8%) oltreché di prevedere lo sviluppo di nuovi flussi di raccolta differenziata (tra cui tessile, sughero, scarti elettronici) e di servizi ambientali accessori (per esempio la raccolta rifiuti nei corsi d’acqua) e oltre alla gestione integrata dei rifiuti che contempla la produzione di bio-metano prodotto grazie al trattamento dei rifiuti organici, con la possibilità, in futuro, di catturare CO2 e produrre idrogeno dal bio-metano. Nella video presentazione del dossier sono intervenuti il Presidente di Confindustria Veneto Est Leopoldo Destro, che ha sottolineato il rapporto di collaborazione fra istituzioni e impresa nell’ambito della sostenibilità ambientale e l’aumento di assunzioni di lavoratori con competenze specifiche per la transizione verde e under 29, l’impegno nella sostenibilità d’impresa (in chiave di ESG, Ambiente, società e Governance) e nella riduzione della CO2 in accordo con gli obiettivi della Carbon Footprint e i giovani ambasciatori dell’European Parliament dell’Istituto Giorgi-Fermi di Treviso, protagonisti di una rinnovata partecipazione dei giovani alla vita politica e alla cittadinanza attiva. “Ringrazio la Commissione, tutte le città che hanno condiviso questo periodo di amichevole confronto”, ha detto il sindaco Mario Conte subito dopo l’annuncio della vittoria. “Ringrazio la mia squadra, i partner che ci hanno aiutato a costruire una città sempre più sostenibile ma soprattutto la mia comunità che è la vera protagonista di questo cambiamento. Questo per noi è un punto di partenza e una grande responsabilità nei confronti delle future generazioni con le quali ci impegniamo a costruire una città sempre più accogliente, inclusiva e sostenibile”.

comune.treviso.it

Also featured in the dossier are the freeaqua.it initiative by Rocking Motion, for the artistic and cultural valorisation of the city’s 130 fountains, the awareness of the re-use of water bottles and containers with public water, and the workshops in schools by the Cooperativa Comunica for the creation of ecosphere as part of the municipality’s campaign ‘Treviso greener and more resilient’. As for ATS (whose actions were presented before the Jury by the general manager Pierpaolo Florian), the projects for the extension of the aqueduct network and the reduction of leaks, and of the sewerage network (with the passage from 30% to 70% of users connected) as well as the innovative construction site with the micro-tunnelling technique for the connection of the historic centre to the Sant’Antonino purification plant. The ability of Contarina, the operational arm of the Priula Basin Council and represented in Tallinn by the deputy general manager Andrea Favalessa, to valorise the high percentage of differentiated waste collection certified by national statistics (which see Treviso, thanks to the cooperation of its citizens, as the most recycling city in Italy with 86, 8%) as well as the development of new flows of separate waste collection (including textiles, cork, electronic waste) and ancillary environmental services (e.g. waste collection in watercourses) and in addition to the integrated waste management that contemplates the production of bio-methane produced through the treatment of organic waste, with the possibility, in the future, of capturing CO2 and producing hydrogen from bio-methane. The video presentation of the dossier was attended by the President of Confindustria Veneto Est, Leopoldo Destro, who emphasised the collaborative relationship between institutions and companies in the field of environmental sustainability and the increase in hiring workers with specific skills for the green transition and under the age of 29, the commitment to corporate sustainability (in terms of ESG, Environment, Society and Governance) and CO2 reduction in accordance with the Carbon Footprint objectives, and the young ambassadors for the European Parliament of the Istituto Giorgi-Fermi of Treviso, protagonists of a renewed participation of young people in political life and active citizenship. “I thank the Commission, all the Cities that shared this time of friendly confrontation,” said Mayor Mario Conte immediately after the announcement of the victory. “I thank my team, the partners who helped us build an increasingly sustainable city, but above all my community, which is the real protagonist of this change. This is a starting point for us and a great responsibility towards future generations with whom we are committed to building an increasingly welcoming, inclusive and sustainable city.”

ARTICOLI CORRELATI

  • All Posts
  • Architettura
  • Eventi & Spettacolo
  • Food & Beverage
  • Moda & Design
  • Salute
  • Sport
  • Viaggi

SEGUICI SUI SOCIAL

Veneto Magazine

Un nuovo progetto editoriale ideato da Mara Dal Cin e Fabrizio Ditadi nato per valorizzare le località e le eccellenze più suggestive ed esclusive della regione Veneto.

Registrazione al Tribunale n.305/22
N°iscrizione ROC 39548
ISSN 2974-9468
Linea Edizioni

Ultimi articoli

  • All Posts
  • Architettura
  • Eventi & Spettacolo
  • Food & Beverage
  • Moda & Design
  • Salute
  • Sport
  • Viaggi

Legale

Questo è il blog di Veneto Magazine, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Treviso.

In quanto tale non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N.62 del 07.03.2001 Tutte le notizie ricevute sono sottoposte ad un processo formale di valutazione redazionale volto a verificare il contenuto degli articoli inviati. Parte delle immagini usate in questo blog proviene dalla rete e i diritti d’autore appartengono ai rispettivi proprietari.

© 2023 Veneto Magazine | Privacy policy | Cookie policy

Sito realizzato da Memento Comunicazione